Un giardino di ciliegi, steli di bambù, carpe. Guizzi pesca, verde e blu. Tappa in Giappone per Elisabetta Polignano, la stilista delle spose che ha fatto del viaggio uno dei tratti distintivi della sua creatività.
Con lei eravamo stati nelle Indie e nel cuore della vecchia Europa, a bordo dell’Orient Express, prima ancora negli Stati Uniti. Nessun confine di spazio o di tempo: la creatività è sempre in movimento, fluida ed inafferrabile. Una collezione, l’ultima, che spinge a guardare lontano: fiori delicati, linee kimono, signorine gentili. Una reinterpretazione di stoffa di una terra magica, un racconto nel quale è sempre possibile riconoscere il tocco della designer pugliese, un mix perfettamente bilanciato di estro e linearità.

Linearità, perché ogni viaggio, per quanto avventuroso, necessita di una bussola che per Elisabetta Polignano è Dario Mongioy, compagno e direttore generale del brand, che in poco meno di dieci anni, ha tracciato un percorso che va dagli Stati Uniti al Giappone. In mezzo c’è l’Europa e l’Italia, con settanta boutique, due atelier monomarca nelle città di Oleggio e Saronno e il lancio di sei linee. EP Elisabetta Polignano, pura haute couture, Vision, la collezione estrosa, Signature, quella sofisticata. E poi Vittoria Sposa, (?), Privée, pensata per il mercato USA, e l’ultima nata, Joie de Vivre, per le donne dalle forme morbide.
Anche noi abbiamo provato a delineare un itinerario. Siamo partiti da uno spunto curioso, un elemento ricorrente: Polignano, Puglia, Piemonte… la lettera P si ripete più volte nella vita e nella carriera della stilista.

Puglia / Polignano a Mare, nelle Murge, gioiello salentino, piccolo centro della orgogliosa regione degli abiti da sposa. Non poteva che nascere qui il talento della stilista. “Ho cominciato a lavorare in sartoria a 14 anni, amo la mia terra e questo lavoro che mi appartiene da quando ero bambina”.

Piemonte / Da  sud a nord, dalla Puglia al Piemonte, un viaggio che ha cambiato un destino.  “In Piemonte è nato in tempi recenti il mio secondo atelier; al nord, in Lombardia, ho fatto studi di architettura, un completamento culturale che ha definito nettamente  la mia personalità e che ha donato la geometria alle mie creazioni,  abiti con gonne strutturate, dalla forma mai scontata, dallo stile un po’ rock”.

Personalità  / La sposa che si rivolge alla stilista è molto decisa e sa quel che vuole. “Ci si innamora di un abito con gli occhi  ma indossarlo è tutta un’altra cosa, bisogna pensare alla propria fisicità. Si tratta dell’abito per eccellenza, si indossa una volta nella vita, veste sia la persona che la personalità.  È un giorno particolare ma bisogna puntare a non essere diverse da ciò che si è di solito. Bisogna guardarsi, riconoscersi e sentirsi bene”.

Primavera / L’ispirazione di EP 2017, una collezione Japan oriented. “Il Giappone è una terra che amo. Mi entusiasma la natura, le arti marziali, il senso di rispetto per sé e per gli altri e la filosofia dell’equilibrio, quello stile mai eccessivo che ho infuso negli abiti fin nei particolari. Ho realizzato una stampa molto chic col motivo dei fiori di ciliegio e le nuance del rosa. Sarà il mio prossimo viaggio, per questa collezione mi sono molto documentata, ricostruendo con la fantasia le intuizioni delle mie vastissime letture”.

Particolari / Dettagli e accessori, tutto quello che sta intorno all’abito bianco. Per quello la stilista ha un’idea ben precisa.  “Immancabile la cintura, rende l’abito più giovane e dinamico, non amo molto i gioielli perché è l’abito a fare da padrone. Consiglio orecchini discreti, collane assolutamente no,  qualcosa di molto leggero sui capelli,  un fiore fresco, solo il velo, o niente. Sì al coprispalle per l’abito décolleté in chiesa. Cerco sempre di crearne di alternativi, è uno degli elementi più studiati di ogni collezione.”

Policromia / C’è sempre del colore nelle collezioni sposa, spesso sono accesi e vibranti, come il “Rosso Polignano”, una tonalità che abbiamo imparato a riconoscere nel tempo.“Sono stata definita non a caso la stilista del colore perché  questo elemento nelle mie collezioni non manca mai. Da quelli tenui a quelli decisi, c’è sempre un colore forte. Nell’ultima ci sono dei turchesi e dei blu davvero intensi. Amo molto il giallo e l’arancio, solari e vitali, colori carichi di energia. Sono dell’idea che, se usato con discrezione, il colore può essere inserito in tutte le collezioni”.

Private / Inteso nel senso anglosassone di private life, qualcosa di strettamente personale, ad esempio l’abito da sposa che ha voluto per sé. “Mi sono sposata nel 2001, un abito in taffettà bianco avorio con riflessi argentei ed inserti di pizzo sfrangiato. Un mullet dress dallo stile orientale che ho indossato con sandali e calzini.  I capelli raccolti in due trecce, un po’ country chic, una tendenza che poi si è imposta negli anni successivi”.

Predecessori / I maestri che le hanno fatto da mentori. “Dior e Chanel, hanno fatto l’alta moda e li ammiro da sempre. Seguo molto le passerelle parigine anche se porto avanti la missione del Made in Italy. Come azienda produciamo oltre un migliaio di capi l’anno, tutti lavorati a mano dalle nostre sarte. L’artigianalità è particolarmente apprezzata dal mercato estero”.

Premi e primati / Il 2016 segna l’ingresso del brand a Milano, per l’evento Sì Sposaitalia. “Abbiamo aperto le passerelle della bridal week milanese con un’accoglienza molto positiva. Ad aprile in occasione dell’Italy Bridal Expo abbiamo ricevuto un riconoscimento per la migliore collezione sposa 2017. Sempre a Milano, siamo stati inseriti nello spazio Designer che ha ospitato i marchi più interessanti del panorama internazionale della sposa”.

Tratto da Mia Sposa Magazine, attualmente in edicola.

blog-matrimonio_Elisabetta-Polignano-stilista-spose_01
blog-matrimonio_Elisabetta-Polignano-stilista-spose_02
blog-matrimonio_Elisabetta-Polignano-stilista-spose_03
blog-matrimonio_Elisabetta-Polignano-stilista-spose_04
blog-matrimonio_Elisabetta-Polignano-stilista-spose_05
blog-matrimonio_Elisabetta-Polignano-stilista-spose_06
CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.miasposa.it/magazine-matrimonio/interviste-wedding/elisabetta-polignano-stilista/
Twitter
Pinterest