Cala il sipario sulla 26esima edizione della Barcellona Bridal Week, la più importante manifestazione del mondo del bridal style. Un evento fatto di moda e passerelle, nazionali ed internazionali, che ha coinvolto marchi importanti del pret- a- porter. L’edizione 206 ha, infatti, registrato un significativo aumento in tutti i segmenti , ratificando il suo status di uno dei centri della moda sposa del mondo in termini sia di prestigio sia in rapporto al ruolo suo ruolo di centro business durante la fiera.

Alla kermesse hanno preso parte  circa 260 espositori , il 13 % in più 2015 , di cui il 58 % internazionali ( 8 punti in più rispetto all’anno precedente ) . Oltre 650 buyers hanno partecipato all’evento – più del doppio del numero nel 2015 –provenienti  da circa 40 paesi , in primo luogo gli Stati Uniti, Germania, Regno Unito , Francia e Italia, paesi chiave quest’anno nella strategia di internazionalizzazione della manifestazione , insieme a new entry, come Scandinavia , America Latina ed Europa dell’Est. Numeri importanti anche per il flusso di visitatori: si stima che quest’anno più di 18.000 persone hanno visitato le sfilate e la fiera professionale , il 12 % in più rispetto al 2015. Queste cifre sarebbero sembrano riflettere la ripresa del settore , cuore pulsante dell’economia spagnola  con più di 507.000.000€ di export , il 40,7 % della sua produzione  interna.

In un totale di 21 studi, sono state presentate circa 500 creazioni per la prossima primavera / estate 2017 stagione: Rosa Clara, che ha dato il via la sfilate; Jesús Peiró; Cristina Tamborero; YolanCris; Isabel Sanchís e Inmaculada García; Marylise & Rembo Styling, Isabel Zaparadiez; Ana Torres; Jordi Dalmau e Matilde Cano; M & M; Patricia Avendaño; Nord ditta americana Justin Alexander; società francese Cymbeline; Ramón Sanjurjo, Carla Ruiz e Sonia Peña, e Pronovias. Il 2016 passerella è stata anche lo scenario per gli spettacoli di due creatori che hanno preso parte alla manifestazione per la prima volta: Naeem Kahn, famoso in tutto il mondo come uno dei designer preferiti del jet set internazionale, e designer israeliano Galia Lahav, rinomata anche per le sue creazioni per le celebrità in occasioni mondane.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati di questa edizione – ha detto Estermaria Laruccia, direttore di Barcellona Bridal Fashion Week –  Siamo cresciuti sia quantitativamente che qualitativamente, in domanda e offerta. Il nostro obiettivo è continuare in questa direzione, promuovendo sia la comunicazione e l’immagine rappresentato dalle passerelle così come il commercio e le imprese attraverso la fiera professionale”. Vivo entusiasmo espresso anche da Marta Raich, il presidente di BBFW, che conferma che ‘lo show ha dimostrato la sua efficacia come un motore economico per il settore. La trasmissione del sfilate per lo streaming è stato un enorme successo: oltre 55.365 persone (il doppio rispetto allo scorso anno) in circa 120 paesi hanno visto on-line le sfilate. La Francia ha avuto il maggior numero di seguaci internazionali, ma c’era anche un grande pubblico in Canada, Italia, Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Pakistan e Messico.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.miasposa.it/magazine-matrimonio/fiere-eventi-wedding/barcellona-bridal-week-2016/
Twitter
Pinterest