“Per me la sartorialità è un’etica,

lo strumento unico per la ricerca della perfezione e del bello sul corpo.

La mia sfida è applicarla costantemente alla ricerca ed alla creatività fondendo, in tal modo, la tradizione all’innovazione.”

Carlo Pignatelli

Fascino ricercato ma quasi naturale tanto sono perfette le linee che costruiscono gli abiti per uno sposo sempre più esigente. Elegante senza il minimo sforzo è l’uomo pensato da Carlo Pignatelli, maestro della sartorialità italiana.

Carlo Pignatelli costruisce sogni per i giovani sposi: linee asciutte, giacche slim fit, tessuti cangianti ed il classico plastron fermato con una spilla gioiello, racchiudono lo stile dello stilista pugliese che ha conquistato i mercati in Europa, Africa e Asia.

Il brand è, infatti, è sinonimo della moda made in Italy che trova espressione e riconoscimento in ogni parte del mondo. Oggi le oltre venti collezioni Carlo Pignatelli spaziano dal fashion maschile a quello femminile nei diversi segmenti compreso quello degli accessori.

“In tutte le mie collezioni troverete parte della mia formazione, l’arte sartoriale, la ricerca della qualità e dell’innovazione, principi cardini del nostro made in Italy”. Ed è proprio lo stile sartoriale a contraddistinguere in maniera inequivocabile anche la collezione cerimonia uomo 2017, settore in cui lo stilista italiano ha operato una vera e propria rivoluzione: la sua creatività ed il suo continuo bisogno di evoluzione lo hanno portato a ridisegnare le forme e i contenuti stilistici di un comparto moda tanto legato alle tradizioni.

blog-matrimonio_Carlo-Pignatelli-2017_sposo-cerimonia_01
blog-matrimonio_Carlo-Pignatelli-2017_sposo-cerimonia_02
blog-matrimonio_Carlo-Pignatelli-2017_sposo-cerimonia_03
blog-matrimonio_Carlo-Pignatelli-2017_sposo-cerimonia_04
blog-matrimonio_Carlo-Pignatelli-2017_sposo-cerimonia_05
blog-matrimonio_Carlo-Pignatelli-2017_sposo-cerimonia_06
CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.miasposa.it/magazine-matrimonio/abiti-sposo/carlo-pignatelli-2017/
Twitter
Pinterest